Le cose che non sai sull’acne, 10 domande e 10 risposte

//Le cose che non sai sull’acne, 10 domande e 10 risposte

Le cose che non sai sull’acne, 10 domande e 10 risposte

  • acne

È vero che la cioccolata la favorisce? È vero che la pillola anticoncezionale può aiutare a combatterla? È vero che abbronzandosi sparisce? Domande e risposte su un problema molto diffuso tra i giovani

L’acne è una dermatosi che cronicamente infiamma la pelle, può essere legata a diversi fattori e si manifesta soprattutto in età adolescenziale.
Sono tipici di questa patologia elementi cutanei non infiammatori, come i comedoni aperti o chiusi, ed elementi infiammatori come papule, pustole e noduli, localizzati nelle aree seborroiche di volto, tronco e torace.

L’acne è caratterizzata da diversi livelli di gravità, si va dall’acne comedonica lieve all’acne nodulo-cistica o conglobata. Può derivare dall’occlusione dei pori, iperattività delle ghiandole sebacee, iperattività del batterio responsabile dell’acne e infiammazione.

Esistono diversi “falsi miti” sull’argomento, cioè convinzioni errate che spesso abbiamo nei confronti di alcuni temi correlati ad essa. Analizziamone insieme alcuni:

L’ACNE È SOLO UNA PATOLOGIA DELL’ADOLESCENZA?

L’acne è una patologia di natura cronica che colpisce circa il 70-90% degli adolescenti (13-19 anni) ma dati recenti indicano un aumento significativo di incidenza anche tra gli adulti sopra i 25 anni, in particolare per le donne (colpite nel 12-20% dei casi). In circa l’85% dei pazienti adolescenti l’acne si risolve con la crescita, ma nei restanti casi (soprattutto nelle donne) tende a protrarsi in età adulta (acne persistente).

 STRESS ACCENTUA L’ACNE?

Lo stress è attualmente riconosciuto come possibile fattore di induzione e/o aggravamento dell’acne. E’ stato dimostrato in studenti universitari che nelle settimane che precedono gli esami, il numero degli elementi acneici aumentava in modo significativo rispetto ad altri periodi meno stressanti. L’evidenza clinica è supportata da riscontri di laboratorio che hanno individuato le connessioni biologiche tra stress e acne.

 

L’ABBRONZATURA PUÒ AIUTARE?

Il concetto che l’esposizione al sole durante il periodo estivo possa migliorare l’acne è un altro falso mito. Il miglioramento è solo apparente, infatti la pelle esposta al sole ha un aspetto meno “unto” e più salutare, questo però non vuol dire che l’acne stia guarendo. I raggi solari in realtà, accentuano il processo infiammatorio alla base dell’acne, provocando un ispessimento dello strato più superficiale dell’epidermide (strato corneo) che causa la formazione dei comedoni, cioè i punti neri. Il falso mito è legato all’apparenza: l’abbronzatura dona uniformità al colorito della pelle nascondendo così le imperfezioni senza eliminarle.

 

I TRATTAMENTI DERMATOLOGICI DEVONO ESSERE SOSPESI DURANTE IL PERIODO ESTIVO?

Non tutti … dipende dal farmaco: è vero infatti che esistono alcuni farmaci fotosensibilizzanti (come le tetracicline orali) che non possono essere assunti durante il periodo estivo, ma e’ ancor più vero che vi sono altri farmaci antiacne che possono essere utilizzati anche nel periodo estivo: si tratta dei retinoidi topici e di alcuni antisettici, che devono essere applicati sulla pelle alla sera.

La mattina successiva basta effettuare un’accurata detersione e applicare una protezione solare indicata per pelle acneica, da evitare però quelle occlusive perché comedogeniche (causano la formazione dei punti neri).
E’ importante non interrompere questi trattamenti durante il periodo estivo perché si rischia una riacutizzazione della malattia al termine dell’estate.
Esistono poi prodotti per il trattamento delle lesioni acneiche lievi e intermedie che possono essere impiegati anche sotto il sole in quanto non presentano fenomeni di foto-tossicità.

 

IL FUMO INFLUISCE SULL’ACNE?

La correlazione tra acne e fumo è controversa. In uno studio la prevalenza dell’acne appare aumentare nei pazienti dediti al fumo di sigaretta mentre in un altro studio l’acne severa è meno frequente nei fumatori rispetto ai non fumatori. Uno studio pubblicato di recente poi ha dimostrato però una stretta correlazione tra il fumo di sigaretta ed una particolare forma di acne ritenzionale della donna adulta.

 

CI SONO ALIMENTI CHE LA FAVORISCONO?

Spesso si pensa che causa dell’acne possa essere un’alimentazione sregolata e l’assunzione di determinati tipi di cibo (per esempio il cioccolato), ma in realtà non è così vero. Non esistono studi scientifici che dimostrino una diretta associazione tra acne e alimenti specifici.

È vero però che, negli ultimi anni, la comunità scientifica ha sottolineato una correlazione tra acne e malattie metaboliche, spesso determinate da un eccessivo introito di carboidrati raffinati, latte, proteine del latte e aminoacidi essenziali che producono una sovraespressione di alcune “vie” cellulari che hanno come risultato l’insulino-resistenza. Questa a sua volta determina una maggior produzione di sebo (alterato anche nelle sue componenti) e la produzione di biofilm.
Questo crea un micro-ambiente favorevole alla sopravvivenza di P. acnes (il batterio responsabile della patologia), la formazione di comedoni e altri meccanismi complessi.

 

LA PILLOLA ANTICONCEZIONALE PUÒ AIUTARE?

In alcuni casi l’acne, soprattutto quella della donna adulta, è legata ad alterazioni ormonali, che determinano un peggioramento del quadro clinico prima del ciclo mestruale.
E’ quindi importante ricercare le eventuali alterazioni ormonali con esami del sangue specifici e con un’ecografia ovarica eseguita dallo specialista ginecologo. In questi casi l’introduzione di una pillola scelta dal ginecologo, in collaborazione con il dermatologo, può aiutare a migliorare sia la sintomatologia ginecologica (irregolarità del ciclo, dolori mestruali) sia quella cutanea (miglioramento dell’acne, dell’ipertricosi e dell’alopecia androgenetica).

 

LA DETERSIONE È NECESSARIA?

La scelta del detergente adeguato, ad opera del dermatologo, deve essere guidata dalle caratteristiche della pelle del paziente e dagli eventuali trattamenti medici in corso.
Chi soffre di acne presenta una cute seborroica ed è spesso spinto a rimuovere l’eccesso di sebo con lavaggi frequenti e con detergenti molto attivi ed aggressivi.

In realtà il sebo in eccesso va rimosso in maniera delicata, questa sostanza rappresenta un importante meccanismo di difesa per la cute e una brusca rimozione con detergenti aggressivi provoca il cosiddetto effetto rebound, cioè la secrezione di altro seboLa pelle seborroica deve essere detersa mattino e sera con prodotti formulati in latte o gel, a risciacquo, capaci di pulire in maniera delicata.

 

ACNE E CREME IDRATANTI, NO AL FAI DA TE.

Le terapie farmacologiche topiche o sistemiche per l’acne tendono spesso a seccare ed irritare la pelle e, pertanto, può essere importante utilizzare una crema idratante studiata per la cute acneica, che aiuti a proteggere e riparare la cute stessa.In commercio esistono moltissimi prodotti cosmetici  per la pelle acneica ed è quindi di fondamentale importanza discutere con il dermatologo di fiducia quale sia il prodotto più adatto da utilizzare.

 

PUOI TRUCCARTI SENZA AGGRAVARE L’ACNE?

Falso, il make up può essere invece molto utile, infatti gli inestetismi tipici della pelle grassa, impura e a tendenza acneica interessano principalmente il viso e per questo possono determinare una situazione di disagio, in particolare negli anni delicati dell’adolescenza.
L’esigenza di rendere meno evidenti le imperfezioni non ha solo una valenza estetica, ma anche psicologica, perché avere una pelle non uniforme e infiammata può impedire di sentirsi a proprio agio con gli altri.
 

È però importante e necessario scegliere prodotti corretti: i prodotti utilizzati dovrebbero essere ipoallergenici e non comedogeni (
ovvero non devono favorire la formazione dei punti neri o bianchi), assicurare una copertura di lunga durata e controllare l’effetto lucido con una prolungata azione opacizzante. Da non sottovalutare, inoltre, altri aspetti quali la facile applicabilità e la gradevolezza dal punto di vista cosmetologico.

2018-03-08T16:24:07+00:00 8 marzo 2018|Categories: Star bene|Tags: , , , , , |0 Commenti