Dieta, 10 consigli utili per non fallire

//Dieta, 10 consigli utili per non fallire

Dieta, 10 consigli utili per non fallire

  • dieta consigli motivazione

Un'alimentazione equilibrata, un diario per tracciare i progressi e qualche strappo alla regola. Rimanere motivati durante la dieta spesso è difficile, soprattutto quando i risultati tardano ad arrivare o non corrispondono alle aspettative. Ecco un decalogo per risvegliare costanza e determinazione

Perché esistono così tante diete? Semplice, perché le diete hanno l’inevitabile tendenza a fallire. Sentiamo quindi il bisogno di crearne di nuove, magari tutte simili fra loro ma con un altro nome, di modo da poter far nascere una nuova motivazione che possa portare a raggiungere gli obiettivi sperati. Il problema di ogni dieta infatti è uno solo, la costanza con cui essa viene seguita.

Ecco un decalogo per mantenere alta la motivazione:

1. Scegli una dieta personalizzata

Nessuna dieta scaricata da internet, copiata da un’amica o letta su un giornale potrà mai sostituire un piano alimentare elaborato da un professionista. Se volete una dieta che funzioni e che quindi vi dia la carica per proseguirla dovete fare una visita con uno specialista che studierà per voi una dieta bilanciata e personalizzata, ovvero che si adatti alle vostre esigenze e ai vostri gusti.

2. Programma i controlli

Essere seguiti da un professionista è fondamentale anche per sentirsi “controllati” (nel senso buono ovviamente). Programmare i controlli, sapere di avere qualcuno che ogni mese ti tiene sotto controllo il peso, ti dà i gusti consigli per il proseguimento e ti indirizza nel giusto percorso di volta in volta è un supporto fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi

3. Dieta equilibrata, ma non “da fame”

In una dieta efficace per perdere peso dobbiamo mangiare meno e meglio, non meno e basta. A volte inizialmente i pazienti rimangono sorpresi del fatto che non vengano eliminati determinati alimenti e il motivo è semplice: una dieta è efficace solo se viene seguita con costanza, per questo un piano troppo restrittivo è solo controproducente. Una dieta troppo severa può funzionare la prima settimana, ma alla lunga porta inevitabilmente al fallimento.

Leggi anche: “Estate, no alla dieta stagionale”

4. Aiutati

Le tentazioni ci scorrono davanti agli occhi ogni giorno, ma almeno a casa dovremmo cercare di sentirci al sicuro. Quando facciamo la spesa perciò stiamo lontano dagli scaffali che contengono i nostri junk food preferiti (mai andare al supermercato con l’acquolina in bocca) e per nessuna ragione la nostra dispensa dovrebbe contenere alimenti” tentatori”. Siamo a dieta, non siamo supereroi, il momento della gola può colpire chiunque e in qualunque momento e spesso cedere può portare a un calo della motivazione. Più saremo costanti, più vedremo risultati, più la nostra dieta proseguirà nel tempo.

5. Bilancia i nutrienti nella giornata

In una dieta dimagrante efficace le calorie e i nutrienti devono essere ben distribuiti nell’arco della giornata. Ecco perché è importante prendere l’abitudine dello spuntino. Spesso non ci si rende conto di quanto uno snack sano possa essere utile per arrivare meno affamati ai pasti e poter quindi rispettare con meno difficoltà le grammature della dieta, spesso molto inferiori rispetto alle abitudini. Anche la colazione aiuta molto a bilanciare il senso della fame durante la giornata e a ridurre le calorie introdotte nei pasti principali, spesso troppo abbondanti e sbilanciati.

6. Focalizza l’obiettivo

Non dimentichiamoci mai perché abbiamo deciso di intraprendere un percorso dietetico. Che sia perché la nostra salute lo richiede o semplicemente perché non ci piacciamo più come prima la cosa importante è che il tutto inizi da noi. Nessun fidanzato/a insoddisfatto o mamma/papà apprensivo deve convincerci a modificare la nostra vita, perché siamo solo noi in questo percorso e quando ci saranno dei momenti “down” (e in una dieta capitano sempre) saranno solo le nostre forze a tirarci fuori. E la forza può essere trovata solo da chi crede davvero in quello che sta facendo.

7. Tieni traccia dei progressi

Una volta focalizzato l’obiettivo, tenere un diario dove appuntare tutti i giorni i nostri progressi può essere davvero un valido aiuto. Vedere nero su bianco la propria vita cambiare in positivo, ma anche annotare i passi falsi può fornire davvero tanti spunti di riflessione sia per noi stessi che per il professionista che ne potrà prendere visione e potrà fornire i giusti suggerimenti per migliorare.

8. Crea delle sane abitudini

Le buone abitudini permettono di creare le giuste condizioni per progredire negli obiettivi. Dedicare almeno 15 minuti al giorno alla preparazione del cibo che mangeremo, tornare a piedi dall’ufficio, bere regolarmente acqua, svegliarsi prima al mattino per fare colazione…sono tutte abitudini che inizialmente possono indispettirci, ma se iniziano a far parte della nostra vista difficilmente riusciremo a farne a meno. E la nostra dieta (e la nostra vita) potrà solo guadagnarci.

Leggi anche: “Mangiare bene stando bene, oltre il concetto di dieta”

9. Fai e fatti delle domande

Non seguire inconsapevolmente una dieta, poniti sempre le giuste domande. Chiedi al professionista che ti segue perché sono state fatte determinate scelte. Comprendere meglio la tua dieta, perché bisogna rinunciare ad alcuni cibi mentre ad altri no ti aiuterà a gestire meglio la dieta nelle occasioni speciali (pasti fuori casa, compleanni, matrimoni etc.) e a ridurre al minimo quei piccoli “errori” quotidiani che nel lungo periodo possono ridurre la perdita di peso e quindi far calare la motivazione.

10. Concediti le giuste soddisfazioni

In ultimo ma non meno importante, una dieta che funzioni dovrebbe anche soddisfare. Fondamentale quindi un buon equilibrio fra ciò che è considerato “giusto” per il professionista e ciò che è considerato “buono” per chi segue la dieta. Un’alimentazione bilanciata deve quindi rispettare i gusti, adeguarsi alle abitudini quotidiane e al tempo che si può dedicare alla preparazione dei pasti. Deve inoltre prevedere dei “pasti liberi” ovvero pasti in cui sono concessi alimenti che solitamente si dovrebbero eliminare o ridurre, perché lo “stare a dieta” è soprattutto una questione mentale che prevede determinazione e volontà. È inutile e controproducente privarci di alimenti soddisfacenti, è importante invece capire bene il concetto di equilibrio: in una dieta si può mangiare tutto, bisogna solo capire quali sono le cose che si devono mangiare più frequentemente e quelle che invece è giusto concedersi una tantum.

2019-07-02T16:18:56+00:00 26 Giugno 2019|Categories: Star bene|Tags: , , |0 Commenti