Digiuno, davvero è l’elisir di lunga vita?

//Digiuno, davvero è l’elisir di lunga vita?

Digiuno, davvero è l’elisir di lunga vita?

  • digiuno

Tutti ne parlano, pochi sanno davvero di cosa si tratta: noi vi spieghiamo per bene cos’è la dieta mima – digiuno ideata dallo scienziato Valter Longo e perché gli studi scientifici dicono che ha molti importanti benefici per la salute

Curarsi con il cibo e vivere in salute fino a 110 anni. Questo l’ambizioso obiettivo della dieta mima-digiuno ideata dallo scienziato italiano Valter Longo, direttore dell’Istituto della Longevità all’University of Southern California a Santa Monica e del Laboratorio di Oncologia e Longevità all’Istituto FIRC di Oncologia Molecolare (IFOM) a Milano.

Scarica qui il nostro digital book sull’argomento.

Risaputo e quasi scontato: l’età è il principale fattore di rischio nel contrarre le malattie più gravi. Pertanto, restare giovani potrebbe rivelarsi più efficace che cercare di prevenire e curare singolarmente tutte le malattie. Partendo da questo presupposto, il regime alimentare descritto da Longo promette di rallentare il processo d’invecchiamento e di conseguenza di ridurre in modo significativo l’incidenza di cancro, diabete, malattie cardiovascolari come l’ipertensione arteriosa, neurodegenerative come l’Alzheimer, infiammatorie come la colite, il morbo di Crohn e l’artrite reumatoide o autoimmuni come la sclerosi multipla.

Longo inizia i suoi studi da Molochio, il paesino calabrese di cui è originario e dove gli abitanti vivono più a lungo della media. Per il suo gruppo di ricerca Molochio non è altro che un laboratorio a cielo aperto così come l’isola di Ikaria in Grecia, quella di Okinawa in Giappone, la Penisola di Nicoya in Costa Rica, la cittadina californiana di Loma Linda e i monti sardi dell’Ogliastra. Sono le zone blu della Terra, quelle che vantano la concentrazione più alta di centenari e dove, nonostante i chilometri di distanza, si mangia tutti allo stesso modo. Lo studio dei centenari è però solo uno dei cinque pilastri su cui si poggiano le indicazioni alimentari di Longo. A questo si aggiungono la ricerca di base, gli studi epidemiologici, quelli clinici e quelli sui sistemi complessi che forniscono insieme una solida base scientifica al programma, distinguendolo dalle più conosciute diete di moda.

La dieta mima-digiuno si basa su un’alimentazione ipocalorica (1100-800 calorie al giorno) per 5 giorni al mese ogni 3-6 mesi che, se sotto stretto controllo medico, imita gli effetti benefici del digiuno senza causare danni alla salute. L’elisir di lunga vita sembra essere nel piatto dei nostri antenati: tanta verdura, pochissime proteine e qualche grasso buono. Gli alimenti permessi sono l’olio extravergine d’oliva, i cereali integrali, i legumi e gli ortaggi. Per gli snack via libera al tè, alle barrette ai cereali e alla frutta, ma solo se secca. Gli alimenti vietati sono quelli di origine animale (tranne il pesce con poco mercurio) e lo zucchero (anche quello della frutta). Ingredienti a parte, sembrano essere fondamentali anche moderazione e regolarità: 2-3 pasti al giorno, poco cibo la sera e preferibilmente prima che faccia buio. Dopo il breve periodo di digiuno, si può tornare alle regolari abitudini alimentari, compresi occasionali strappi alle regole, sebbene venga fortemente consigliata una dieta mediterranea di mantenimento. Tra gli effetti collaterali si riscontrano soltanto alcuni piccoli fastidi come mal di testa, stanchezza e debolezza legati alla restrizione calorica.

Tutto questo per ridurre il peso, la glicemia, il colesterolo e la pressione sanguigna, gli stati infiammatori ma soprattutto per guadagnare 12-15 anni che, aggiunti agli 83 medi italiani, ci porterebbero alle soglie dei cento.

Che cosa succede nel nostro organismo durante il digiuno?

Il digiuno manda il corpo in carenza di glucosio e proteine. Senza glucosio, il corpo utilizza risorse energetiche alternative come i corpi chetonici sintetizzati dal grasso in eccesso. Senza proteine, il corpo alloca meglio le poche risorse proteiche disponibili, tutelando i tessuti in buona salute e lasciando morire le cellule vecchie. Ciò senza intaccare la massa muscolare che risulta migliorata in virtù di una sintesi proteica più efficiente.

Nel 2014 Longo ha dimostrato, con uno studio pubblicato sulla rivista Cell Metabolism, che chi assume oltre il 20% delle proprie calorie sotto forma di proteine ha il 75% di rischio di mortalità in più. Questo perché più proteine si consumano, più il corpo produce ormone della crescita. Se questo meccanismo è utile nella fase di sviluppo di un adolescente diventa pericoloso negli adulti. Infatti, l’ormone della crescita stimola la proliferazione cellulare, favorendo l’invecchiamento e le principali malattie a esso correlate (cancro, diabete, etc.).

Il digiuno, inoltre, costringe il midollo osseo a produrre cellule staminali. Grazie alle staminali, tutte le cellule distrutte, una volta che si torna regolarmente a mangiare, vengono sostituite con cellule nuove. In particolare, il digiuno induce la rigenerazione del sistema immunitario. Circa un terzo delle cellule immunitarie viene distrutto per risparmiare energia e poi ricostituito. Dopo tre cicli di dieta mima-digiuno, in altrettanti mesi, il 50% del sistema immunitario risulta completamente nuovo. Questo è vantaggioso tanto per le persone sane quanto per quelle malate. Come dimostrano gli esperimenti condotti da Longo e pubblicati nel 2016 su Cancer Cell, il digiuno aumenta l’efficacia della chemioterapia nelle persone affette da cancro. La restrizione calorica prima della terapia chemioterapica aiuta le cellule sane a proteggersi dagli effetti dei farmaci mentre le cellule tumorali più vulnerabili ne vengono uccise, ritardando la progressione del tumore e riducendo l’incidenza di secondi tumori, indipendenti da quello primitivo ma associati alla tossicità della chemioterapia.

La più importante conseguenza del digiuno, oggetto di una ricerca in corso, è il ringiovanimento degli organi. I primi risultati appena pubblicati da Longo su Cell indicano la riprogrammazione delle cellule adulte del pancreas e il ripristino della funzione originale dell’organo che consiste nella produzione dell’ormone insulina che serve per regolare la quantità di zucchero nel sangue. I pazienti affetti da diabete e sottoposti al trattamento alimentare mostrano valori glicemici più stabili. Gli sviluppi di questo studio hanno un valore enorme perché potrebbero condurre a una cura del diabete di tipo non farmacologico ma solo alimentare.

Perché essendo così facile e naturale per il nostro organismo non tutti sono disposti ad intermittenti astensioni dal cibo?

In primo luogo il motivo potrebbe avere a che fare con l’industria. Le notizie sulla dieta mima-digiuno sono state seguite da migliaia di commenti fuorvianti e riconducibili a imprese alimentari molto preoccupate dalle implicazioni della scoperta e dei suoi benefici sul loro business.

In secondo luogo potrebbe avere un ruolo determinante l’incapacità del Paese di investire nella promozione e nell’assunzione di questo stile di vita. Oltre ai vantaggi per la salute, sarebbero anche le casse pubbliche a trarne beneficio considerato il costo dei farmaci rispetto al digiuno.

In terzo luogo la ragione potrebbe essere legata al benessere economico che ci ha abituati, anche per la valenza sociale che ricopre, a non poter fare a meno di un pasto. Dispense e frigoriferi sempre pieni sono una realtà recente se consideriamo in quanto tempo si è sviluppato il nostro patrimonio genetico. Per millenni il digiuno è stato, anche per fini religiosi, un’abitudine comune e ricorrente che è venuta meno solo negli ultimi decenni.

Infine, probabilmente più rilevante, ma non di facile risoluzione se non con un adeguato supporto e motivazione, c’è un meccanismo psicologico di difesa che riguarda ciascuno di noi che è la negazione dei benefici e la minimizzazione dei rischi e che si traduce in frasi come: “Mangiare di tutto un poco” o “Che male potrà fare una bella fiorentina?” oppure “Se hai il colesterolo alto e puoi ridurlo assumendo una compressa perché rivoluzionare la tua alimentazione?”.

Se dovessimo riprendere la metafora che Longo utilizza in tutto il suo libro, il nostro organismo è come un’automobile che per invecchiare meno rapidamente e cessare improvvisamente di funzionare ha bisogno di una corretta e costante manutenzione. Poi ci sono gli incidenti causati da conducenti distratti dal cellulare alla guida o sopraffatti da un colpo di sonno o dal pietoso stato delle strade o dalla segnaletica errata e illeggibile e altri rischi fuori dal nostro controllo. Ma non ci resta che prendercene cura almeno per quanto possiamo e partire per un nuovo viaggio con pranzo al sacco… col sacco vuoto.

 

2017-08-03T15:58:14+00:00 27 Febbraio 2017|Categories: Salute|Tags: , , , |15 Comments

15 Comments

  1. Benedetta 3 Marzo 2017 al 21:02

    Io faccio digiuno -pane 2 hg, 1 caffè, acqua e infusi a volontà- 4 giorni non consecutivi al mese per ripristinare la pratica indicata anche nella Bibbia. Mi trovo bene. Penso che la vs proposta sia valida.

  2. tiziana 4 Marzo 2017 al 20:47

    Molto interessante

  3. Marino Contardo 5 Marzo 2017 al 20:11

    Una sola domanda: svolge un ruolo di nutrizionista presso l’istituto Santagostino o questa attività la pratica al dì fuori in un Suo studio?

  4. redazione 6 Marzo 2017 al 10:04

    abbiamo una equipe di nutrionisti, dietologi e dietisti tra cui scegliere
    https://www.cmsantagostino.it/dietologia

  5. Giovanni 7 Marzo 2017 al 8:57

    Mah, ho sempre mangiato poco fino a 33 anni circa , ed immancabilmente ogni inverno 3/4 raffreddori con periodi di tonsilliti/faringiti o tracheiti…… da quando sono ingrassata perché ho cominciato ad amare il cibo tutti qs mali di stagione sono scomparsi nella loro frequenza. …Il digiuno attualmente mi causa sofferenza …..Se penso poi ai miei avi vhe vedevano la carne con il “cannocchiale” han consumato pochissimi latticini mai burro, ma solo olio…… pane ed acqua in abbondandanza, non saprei che dire…..il più longevo raggiunto il cielo ad 81.Ogni persona deve ascoltare i segnali che il proprio corpo manda…….La Bibbia dice che la vita dell’uomo è 70 anni, 80 per i più robusti……..e il digiuno è principalmente un modo per far si che i desideri della carne mon abbiano il sopravvento su quelli dello spirito…….
    Oeppure

  6. Manu 10 Marzo 2017 al 10:12

    Alla s. Agostino avete una equipe che utilizza questo metodo?

  7. Emanuela 16 Marzo 2017 al 16:56

    Interessantissimo, anche se le diete mi lasciano sempre un po’ perplessa. Funziona sempre? Fa bene davvero a tutti? Io sono dell’idea che “la cosa migliore è mangiare un po’ di tutto”, e farei davvero tantissima fatica a vivere quei 5 giorni assumendo così poche calorie. Mi sembra troppo poco, se una persona fa una vita mediamente attiva (va al lavoro, cammina 20 minuti, ecc, per esempio). Ma a parte il movimento vero e proprio, ho letto che lavori che richiedono sforzo mentale fanno consumare glucosio (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18315798… spero sia una fonte valida), per cui senza la colazione probabilmente sverrei entro la mattinata! Cosa ne pensa?
    Ad ogni modo ripeto, lo trovo molto interessante (anche perchè leggendo il paper e considerato il fatto che voi del cms lo pubblicate, non è l’ennesima bufala alimentare).

  8. Emanuela 16 Marzo 2017 al 17:00

    Il paper sulla limonata di cui ho postato l’abstract viene riassunto brevemente nel libro “Pensieri lenti, pensieri veloci” di Daniel Kahneman.

  9. RAFFAELLA 16 Marzo 2017 al 17:52

    Solo chi prova il digiuno terapeutico , totale , almeno per una settimana (sotto controllo medico) puo’ sperimentare sulla sua pelle i benefici immediati, del digiuno e quelli a venire .
    Costituisce una forma di prevenzione alle malattie, oltre che una efficace forma di disintossicazione del nostro corpo. Un’ANTI-dieta, nel momento in cui insegna poi ad alimentarsi in modo corretto, senza ingrassare, mantenendo tonici i tessuti, la luminosità della pelle, del pensiero .
    A cinquantanni, ho rivoluzionato il mio modo di mangiare, sono “ringiovanita”, per mantenermi( dopo l’esperienza di una settimana di digiuno ) faccio un giorno di digiuno alla settimana .
    Mi sento benissimo .Fatico a spiegare che non è difficile e che possono farlo tutti, precisando che IL NOSTRO CORPO NON E’ A DIGIUNO, ma che lo è in quel momento , solo la nostra MENTE.

    ( cu sono gruppi di digiuno che si fanno periodicamente, in piacevoli strutture

  10. Marco 17 Marzo 2017 al 5:31

    Bene!
    Io che da diversi anni soffro di miastenia (diagnosticata) unicamente oculare, ho notato come le mie crisi fossero più o meno forti e più o meno frequenti in funzione dell’alimentazione.
    Sono arrivato ad avere crisi ogni 2 mesi scarsi con terapia cortisonica di 80mg al di per almeno un mese continuo più la procedura di dismissione.
    Mi sono sottoposto ad una settimana di digiuno intero, ovviamente assistito da professionisti, in un periodo di crisi che durava da 5 settimane di cortisone senza alcun risultato migliorativo. Dopo 4 giorni di digiuno, mi sveglio alla mattina e la mia diplopia …sparita!
    Da subito ho sentito che avrei dovuto prolungare il periodo di digiuno come ad esempio viene fatto a Perugia dal professor Mellelli Roia ma ad oggi posso constatare che qualche beneficio il mio corpo lo ha avuto.
    La crisi successiva è apparsa dopo 5 mesi molto più leggera e curata con meno della metà della dose di cortisone.
    Io non ho per nulla sofferto durante la settimana di digiuno e la rifarei volentieri. Di certo c’è che il corpo umano non è fatto per mangiare come e quanto mangiamo nei giorni d’oggi

    A tutti auguri
    Marco

  11. Dino 21 Marzo 2017 al 12:02

    Buongiorno,
    presso la vostra struttura è possibile essere seguiti in questa dieta che vorrei fare?
    Grazei mille

  12. redazione 22 Marzo 2017 al 16:19

    buonasera, stiamo costruendo un percorso ad hoc che sarà pronto nei prossimi mesi. Può per favore lasciare i suoi dati a questo link? —> https://www.cmsantagostino.it/dieta-mima-digiuno?

  13. redazione 22 Marzo 2017 al 16:21

    buonasera, stiamo costruendo un percorso ad hoc che sarà pronto nei prossimi mesi. Può per favore lasciare i suoi dati a questo link? —> https://www.cmsantagostino.it/dieta-mima-digiuno?

  14. Pierluca 23 Marzo 2017 al 9:30

    Salve, è possibile essere seguiti a distanza per chi vive fuori Milano?

  15. redazione 29 Marzo 2017 al 16:16

    Sì, con i nostri videoconsulti https://www.cmsantagostino.it/videoconsulti

Commenti disabilitati