Estate, 10 consigli per piedi in salute

//Estate, 10 consigli per piedi in salute

Estate, 10 consigli per piedi in salute

Con la bella stagione torniamo a scoprire i piedi e “ci ricordiamo” di loro. Dagli smalti all’idratazione, dal tipo di scarpe alle verruche il decalogo del podologo per camminare verso il benessere…

I piedi sono le fondamenta del nostro corpo,  il nostro punto di contatto con la terra, il nostro sostegno. Eppure, sebbene siano così importanti per la nostra vita e la nostra salute, spesso ci ricordiamo di loro solo durante l’estate, quando stivali, scarpe chiuse e calzettoni lasciano spazio a sandali e infradito. Ecco allora che tutti i problemi che tendiamo a nascondere dentro ai calzini tornano alla ribalta in vista della passerella estiva. Come correre ai ripari? Ecco 10 consigli per affrontare la bella stagione con i piedi belli e in salute.

  1. Non solo d’estate: osservare e prendersi cura dei piedi deve essere un’abitudine da avere tutto l’anno e non solo durante la bella stagione. Questo permette di prevenire molti problemi che possono essere più o meno gravi per i nostri piedi: durante il periodo invernale, con l’utilizzo di calzature chiuse, aumentano i rischi di patologie come Onicomicosi, Tinea pedis (funghi a livello cutaneo) e traumi ungueali che possono degenerare in Onicocriptosi (unghia incarnita).
  2. No a ricostruzione e smalto semipermanente: gli smalti “pesanti” e le ricostruzioni non permettono all’unghia di respirare adeguatamente, per questo sono sono spesso causa di traumi e micosi.
  3. Idratazione: utilizzare una crema emolliente specifica per la propria pelle, oltre ad eliminare gli antiestetici talloni ruvidi e screpolati regalando una pelle liscia e impeccabile, riduce i rischi di ragadi calcaneari, i fastidiosi tagli che si creano tra le dita dei piedi e sui talloni.
  4. No al fai-da-te: in caso di alterazione dello stato ungueale (ingiallimento, dolore etc.) è importante non agire di testa propria, con il rischio di perdere tempo e soldi e di peggiorare la situazione.  È bene innanzitutto accertarsi della condizione delle proprie unghie rivolgendosi direttamente a un podologo o a un dermatologo prima di procedere con i trattamenti.
  5. No alle scarpe basse: i sandali e le scarpe con suola piatta sono responsabili di problematiche osteo-muscolari, non solo a livello plantare ma anche della schiena.
  6. Occhio alle verruche: è buona abitudine dopo una giornata in piscina o in spiaggia fare un lavaggio dei piedi con sapone disinfettante, per limitare il rischio di verruche.
  7. Sì alle passeggiate in spiaggia, ma attenzione al bagnasciuga: per chi ama le lunghe passeggiate in spiaggia, è importante mantenersi solo sulla sabbia asciutta o in alternativa con entrambi i piedi in acqua.  Da evitare invece il bagnasciuga, in quanto la pendenza e la compattezza della sabbia può creare stress alla pianta dei piedi e al bacino.
  8. La qualità al primo posto: per evitare problemi a livello dei piedi è fondamentale indossare scarpe di buona qualità. Ma non solo, per gli amanti delle passeggiate in montagna ricordarsi di prendere un numero in più rispetto al proprio numero di scarpe abituali, e soprattutto di stringere bene lo scarpone prima di affrontare una discesa.
  9. Suola ergonomica: per chi indossa plantari su misura il periodo estivo può essere un problema, ma in alcuni casi, confrontandosi sempre con il proprio podologo, è possibile ovviare al plantare scegliendo sandali e ciabatte con suola ergonomica.
  10. Sì alla crema solare, anche sui piedi: prima di una giornata al mare è importante applicare (e riapplicare) la crema solare anche sui piedi, così da evitare eritemi solari che possano complicare l’utilizzo di calzature.
2017-07-06T09:53:47+00:00 9 giugno 2017|Categories: Salute|Tags: , , |0 Commenti

Scrivi un commento