Frutta secca, alleata del sistema cardiovascolare

La frutta secca a guscio è lo spuntino ideale per chi ha colesterolo alto, diabete o ridotta tolleranza ai carboidrati. In particolare noci e mandorle hanno incredibili proprietà benefiche.

Noci, mandorle, nocciole e frutta secca a guscio in generale, indipendentemente dalla varietà consumata, si confermano tra gli alimenti fondamentali per abbassare i valori di colesterolo cattivo (totale e LDL).  A dirlo è una recente analisi di 61 diversi studi sull’argomento, pubblicata dall’American Journal of Clinical Nutrition.

In passato si è erroneamente creduto che per migliorare i principali parametri lipidici plasmatici fossero necessarie diete a basso contenuto di grassi. Ma grazie alle ricerche in campo medico negli ultimi anni, si è scoperto che per ridurre il rischio cardiovascolare è importante non tanto la quantità del grasso alimentare consumato, quanto la qualità. I grassi, infatti, non sono tutti uguali.

Grassi saturi e insaturi

Tutti i grassi, in quanto tali, sono molto calorici. Il grasso è la principale riserva di energia del corpo e la fonte calorica più concentrata: fornisce il doppio delle calorie a parità di peso rispetto alle proteine e ai carboidrati. Solo una tipologia però è dannosa per la salute quando assunta in eccesso: i grassi saturi (presenti soprattutto negli alimenti di origine animale come burro, strutto, carni rosse, carni trasformate, nei prodotti dolciari e in alcuni grassi vegetali come olio di palma).

I grassi insaturi (uno dei più conosciuti è sicuramente l’omega3 del pesce, ma sono presenti in altissimi livelli in molti prodotti vegetali, come l’olio extravergine di oliva, la frutta secca a guscio, i semi) al contrario svolgono un’azione protettiva nei confronti del nostro cuore e dei nostri vasi sanguigni innalzando i livelli del colesterolo HDL (il cosiddetto “colesterolo buono”) e riducendo i livelli sanguigni di trigliceridi e colesterolo LDL (abbassando di conseguenza il colesterolo totale).

Non solo grassi

La frutta secca a guscio è un prezioso alleato non solo per il suo contenuto di acidi grassi insaturi, ma anche per quello di vitamine, fibre e sali minerali. Possiede un elevato potere saziante, energetico e anti-infiammatorio. Non contiene zuccheri e per questo rappresenta un’ottima alternativa di spuntino per chi soffre di diabete o ridotta tolleranza ai carboidrati.

Esistono numerose tipologie di frutta secca oleosa, ognuna con le sue caratteristiche e proprietà. Sicuramente nella dieta mediterranea non possono mancare le noci e le mandorle, due prodotti dalle incredibili proprietà benefiche legate soprattutto al contenuto di acidi grassi insaturi, ma anche di specifici sali minerali.

Noci e mandorle

Le noci sono particolarmente ricche di zinco e rame, sono inoltre un importante fonte di vitamina E, un potente antiossidante liposolubile.

Le mandorle contengono un’ottima quantità di ferro e calcio e diversi studi confermano le loro proprietà anti-infiammatorie, specialmente nei confronti di reni e intestino.

La frutta secca a guscio contiene comunque un buon quantitativo calorico e per questo è importante non abusarne. In tutti gli studi, il consumo quotidiano di frutta secca, standardizzato alla porzione di circa 28 grammi al giorno, determina una riduzione della colesterolemia totale, delle LDL e dei trigliceridi. Il consiglio è di attenersi a questa quantità per non aumentare troppo la quota energetica giornaliera e ottenere i benefici di questo incredibile alimento.

2017-07-05T18:09:50+00:00 9 febbraio 2017|Categories: salute|Tags: , , , , , |1 Commento

Un commento

  1. LUCIANA MARIA PAGLIARI 15 marzo 2017 al 16:48

    articolo molto interessante,con notizie utili.

Commenti disabilitati