I vaccini per gli adulti – quali fare ed effetti collaterali

/, Prevenzione, Salute/I vaccini per gli adulti – quali fare ed effetti collaterali

I vaccini per gli adulti – quali fare ed effetti collaterali

  • vaccini adulti

Alberto Canciani, assistente sanitario presso il Centro Medico Santagostino ed esperto in vaccini e medicina dei viaggi, ci parla dell’importanza dei vaccini anche tra gli adulti, quali sono i vaccini consigliati e quali sono gli effetti collaterali

Quando si parla di vaccinazioni si pensa sempre ai bambini. In realtà è importante proteggersi anche da adulti. Quali sono le principali vaccinazioni consigliate in età adulta? Ecco un breve elenco delle principali vaccinazioni raccomandate anche per gli adulti.

Leggi anche: “Vaccini, verità e leggende sulle reazioni avverse”

ANTITETANICA

L’antitetanica è un vaccino da ripetere ogni 10 anni, è importante eseguirlo sia se si rimane in Italia che se si viaggia all’estero, infatti il rischio di contrarre il tetano è il medesimo in tutte le parti del mondo. È importante associarlo alla difterite e alla pertosse, soprattutto per le donne in età fertile, quindi effettuarlo anche durante la gravidanza. È un vaccino che non dà particolari effetti collaterali: può dare un po’ di spossatezza il giorno dopo averlo eseguito e indolenzimento/arrossamento nel sito di inoculazione.

MORBILLO

È importante in età adulta vaccinarsi anche per il morbillo; esiste un vaccino associato alla parotite/rosolia, quindi morbillo/parotite/rosolia, eseguibile in 2 somministrazioni a distanza di almeno 6 settimane l’una dall’altra. Essendo un vaccino attenuato, può causare più facilmente febbre dopo 5-7 giorni dalla data di somministrazione, mentre l’indolenzimento dell’arto non c’è perché trattasi di un vaccino sottocutaneo.

HPV

Vaccinarsi contro l’HPV è molto importante, protegge contro un tumore che è il carcinoma del collo dell’utero (per le donne), carcinoma anale, carcinoma della faringe e degli organi genitali maschili. Esiste un vaccino che compre per 9 ceppi, molto efficace, arriviamo al 99,5% di protezione e si esegue in 3 somministrazioni. È consigliato a tutte le donne dai 15 ai 50 anni di età sia che abbiano già contratto la patologia o che non l’abbiano contratta, o anche durante l’infezione stessa. Anche per il maschio è importante vaccinarsi perché essendo il maschio tendenzialmente un portatore sano, interrompe la catena di contagio vaccinandosi o completando il ciclo vaccinale con le 3 dosi.

Per approfondire: ” HPV, il vaccino funziona anche per i maschi”

MENINGOCOCCO

Anche la vaccinazione per il meningococco è molto importante da fare in età adulta. Esiste un vaccino tetravalente che protegge per i ceppi A,C,Y, W135. Il ceppo C è presente in Italia, in Europa e nei paesi anglosassoni, mentre i ceppi A, Y, e W135 sono legati ai prevenzione da viaggio. È un vaccino che non dà particolari effetti collaterali: può dare un po’ di arrossamento e indolenzimento nel sito di inoculazione mentre raramente dà febbre.

Il consiglio è quello di effettuare una consulenza vaccinale per sapere se le vaccinazioni effettuate in passato sono ancora valide e come si possono integrare in età adulta e effettuare una consulenza per tempo, almeno un mese prima, per quanto riguarda la medicina dei viaggi.

2019-06-14T12:00:40+00:00 14 Giugno 2019|Categories: Politica sanitaria, Prevenzione, Salute|Tags: , |0 Commenti