Lo zenzero fa davvero bene: ecco perché

//Lo zenzero fa davvero bene: ecco perché

Lo zenzero fa davvero bene: ecco perché

  • zenzero

Lo zenzero è una pianta erbacea di origine orientale divenuta famosa in tutto il mondo per le sue proprietà benefiche e curative. Le sue proprietà sono molteplici, alcune veritiere e scientificamente provate, altre invece di dubbia fondatezza. È utilizzata sia in cucina, che come rimedio naturale per prevenire e alleviare numerosi disturbi

Ormai lo vediamo in ogni tipo di ricette e abbinato ad ogni tipo di piatto o bevanda. La parte medicinale dello zenzero, chiamata erroneamente radice, è il rizoma, ricco di olio essenziale, gingerina, zingerone, resine e mucillagini. Ma quali sono le sue effettive proprietà? 

  • Le più famose proprietà dello zenzero riguardano il suo effetto antinausea e il suo impiego nel trattamento della dispepsia, ovvero i disturbi della digestione. Le caratteristiche benefiche di questa “radice” aiutano infatti a dare sollievo allo stomaco, allontanare la nausea, svolgere un’azione protettiva nei confronti della mucosa gastrica e a prevenire la formazione di gas e di gonfiori.
  • In questo periodo può diventare un ottimo rimedio contro i malesseri dovuti al cambio di stagione: lo zenzero è infatti un potente anti-infiammatorio e stimolante del sistema immunitario.
  • Inoltre le sue qualità anti-dolorifiche permettono di utilizzarlo anche per alleviare i dolori mestruali e il mal di testa.
  • Ci sono attualmente molti studi in corso per verificare l’efficacia dello zenzero nell’alleviare i dolori artritici, nell’aiutare a tenere sotto controllo i livelli di zuccheri nel sangue nei pazienti diabetici e i livelli di colesterolo e altri lipidi plasmatici.

Va invece presa con le pinze la sua teorica azione dimagrante: come al solito non bisogna mai credere che esistano alimenti “miracolosi” dobbiamo invece capire cosa di veramente buono ci può dare un alimento e inserirlo in un alimentazione sana e bilanciata.

Leggi l’articolo “spezie multitasking: salute e gusto”

Come possiamo utilizzarlo?

In cucina si può adoperare lo zenzero fresco o in polvere per aromatizzare zuppe, pesce, verdure, dolci grazie al suo profumo pungente e al gradevole sapore piccante.

Ora che ci avviamo verso la bella stagione possiamo provare a realizzare un primo piatto veloce e sfizioso, perfetto per una schiscetta o un pranzo all’aperto.

Saltate in padella delle zucchine con dei gamberetti, aggiungendo un pizzico di paprika affumicata a fine cottura. Condite con questo “sughetto” del riso integrale o della pasta, aggiungendo dello zenzero grattugiato fresco. Come tocco finale potete aggiungere anche un po’ di scorza di limone (non trattato) grattata.

Per preparare una perfetta tisana fredda invece, ottima per calmare la nausea o i dolori di stomaco, basta far bollire dell’acqua (200-300gr) con 1 grammo di rizoma secco (oppure 10 grammi fresco privato della buccia) per 5/10 minuti. Una volta spenta la fiamma si può aggiungere del succo di limone spremuto fresco e un cucchiaino di miele. Lasciate l’infuso in frigo e consumate freddo

Lo zenzero ha controindicazioni?

Come ogni alimento è bene assumerlo con moderazione: l’uso massiccio di zenzero infatti può provocare gastrite, ulcere e gonfiori intestinali invece che curarli. È importante evitare l’uso dello zenzero in contemporanea a farmaci antinfiammatori, ipotensivi e anche antiaggreganti/anticoagulanti dato il suo effetto fluidificante del sangue.

Generalmente si consiglia di non assumere più di 15/20 grammi di rizoma fresco o 3/4 gr di radice secca o polvere per evitare l’insorgere di fastidiosi disturbi.

2019-04-17T11:15:06+00:00 17 Aprile 2019|Categories: Alimentazione|Tags: |0 Commenti