Nuovo Coronavirus: le linee guida dell’OMS e del Ministero della Salute

/, Salute/Nuovo Coronavirus: le linee guida dell’OMS e del Ministero della Salute

Nuovo Coronavirus: le linee guida dell’OMS e del Ministero della Salute

Attualmente in Italia non esiste un rischio concreto di diffusione del virus, ma è importante conoscere le principali norme igieniche per evitare il contagio. Ecco cosa dicono a proposito l'Organizzazione Mondiale della Sanità e il Ministero della Salute

Le linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità

Lavati spesso le mani

Fondamentale sempre, ma ancora di più in questi casi, lavarsi spesso le mani con acqua e sapone per almeno 20 secondi. In alternativa vanno bene anche gli igienizzanti a base di alcool, se le mani non sono visibilmente sporche. Il sapone e gli igienizzanti sono infatti in grado di eliminare il virus, se questo si trova sulle mani. 

Mantieni una buona igiene respiratoria

Quando tossisci o starnutisci, assicurati di coprire la bocca e il naso con un fazzoletto oppure con l’incavo del gomito. Preferisci i fazzoletti monouso, da buttare subito in un cestino chiuso dopo l’utilizzo. Dopodiché, lavati le mani con acqua e sapone o con un igienizzante mani. Queste precauzioni sono importanti: non coprirsi la bocca quando si starnutisce significa far sì che il virus si diffonda nello spazio circostante tramite le goccioline di saliva. Allo stesso modo, coprirsi la bocca e il naso con le mani comporterebbe il rischio di contaminare gli oggetti e le persone toccati. Il virus entra nel corpo attraverso gli occhi, il naso e la bocca, quindi evita di toccarli con le mani non lavate.

Mantieni le adeguate distanze con le persone

Cerca di mantenere almeno un metro di distanza tra te e le altre persone, soprattutto da chi tossisce, starnutisce o ha la febbre. Il motivo anche in questo caso è semplice: se le persone starnutiscono o tossiscono, i virus si diffondono nello spazio circostante tramite goccioline di saliva. Se sei troppo vicino, il rischio di respirarlo aumenta.

Evita di toccarti occhi, naso e bocca con le mani sporche

Le mani toccano continuamente diverse superfici, che possono essere state contaminate dal virus. Se ti tocchi di conseguenza gli occhi, il naso o la bocca, trasferirai il virus dalla superficie al tuo organismo. 

Se hai sintomi sospetti (febbre, tosse, difficoltà a respirare) rivolgiti il prima possibile al tuo medico 

Riferisci al medico se hai viaggiato recentemente in aree della Cina dove ci sono stati casi di 2019-CoV, o se hai avuto un contatto ravvicinato con persone che hanno frequentato aree a rischio e hanno sintomi respiratori. Se invece hai sintomi respiratori lievi e non hai viaggiato o non sei entrato in contatto con persone a rischio alle norme basilari di igiene respiratoria e, se possibile, resta a casa fino a completa ripresa. In Italia, attualmente, stanno circolando altri virus con sintomi simili, in particolare il virus influenzale.

Leggi le linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità

Le indicazioni del Ministero della Salute per i viaggiatori

Secondo le ultime evidenze scientifiche disponibili attualmente il virus non sta circolando in Italia, per cui il rischio esiste solamente nel caso di alcune situazioni specifiche molto rare, in particolare:

  • aver viaggiato negli ultimi 14 giorni nelle zone in cui sta circolando il virus
  • aver avuto contatti con persone con infezione da 2019-nCoV confermata in laboratorio

Solo in questi specifici casi, se entro le due settimane successive dovessero comparire sintomi sospetti (febbre, tosse secca, mal di gola, difficoltà respiratorie) contatta a scopo precauzionale il numero verde 1500 attivo 24 ore su 24. Il numero è stato istituito dal Ministero della Salute per rispondere alle domande sul nuovo Coronavirus. Anche il Ministero della Salute sottolinea in ogni caso l’importanza di seguire le norme igieniche di base: utilizzare i fazzoletti usa e getta, lavarsi le mani regolarmente e indossare la mascherina in caso di contatto con altre persone. 

Visita il sito del Ministero della Salute per saperne di più

2020-02-11T16:56:58+00:00 11 Febbraio 2020|Categories: Prevenzione, Salute|Tags: , |0 Commenti