La salute dell’orecchio passa (anche) dalla tavola

/, Prevenzione, Salute, Star bene/La salute dell’orecchio passa (anche) dalla tavola

La salute dell’orecchio passa (anche) dalla tavola

  • orecchio

Il nostro orecchio è un organo molto efficiente e delicato che, come ogni parte del nostro corpo, può andare incontro a cambiamenti fisiologici nel corso del tempo. Qualche semplice accorgimento, però, può bastare per preservare un udito sano. Uno di questi è una corretta alimentazione. Grazie alla varietà dei nutrienti che apporta, la dieta mediterranea, ricca di frutta e verdura, è particolarmente idonea a garantire un buon funzionamento del nostro udito.

Uno studio dell’American Academy of Otolaryngology ha dimostrato come il migliore alleato per la salute del nostro orecchio sia l’acido folico. Negli over 60 che assumono cibi ricchi di folati o quantità supplementari di acido folico si riduce del 20% il rischio di perdita dell’udito rispetto alla popolazione generale.

Di cosa si tratta esattamente?  

Nella coclea, che è la parte del nostro orecchio interno deputata all’udito, c’è un’unica arteria che porta sangue e ossigeno: questo è uno dei luoghi dove è più importante che il sistema cardiovascolare funzioni al meglio. L’acido folico (o vitamina B9) gioca un ruolo fondamentale per l’apparato circolatorio perché è in grado di diminuire i livelli circolanti di omocisteina, meno nota del colesterolo ma altrettanto pericolosa per l’insorgenza delle malattie cardiovascolari, specialmente nei soggetti anziani.

In quali alimenti si trova l’acido folico?

  • Nelle verdure a foglia verde: spinaci, broccoli, asparagi, lattuga, cavoletti di Bruxelles
  • Nei legumi: fagioli, ceci, piselli, lenticchie
  • Nei cereali
  • Nella frutta: kiwi, fragole e arance
  • Nella frutta secca: mandorle e noci
  • In alcuni alimenti di origine animale: fegato, frattaglie, uova
  • Nel lievito di birra

Anche le modalità di conservazione e di consumo di questi alimenti sono fondamentali. Le verdure fresche, se conservate a temperatura ambiente, possono perdere nell’arco di tre giorni fino al 70% del loro contenuto in folati. Addirittura, durante la cottura degli alimenti, i folati possono ridursi fino al 95%. Perciò, il consiglio è di consumare frutta e verdura fresca e cruda in quantità!

Oltre ai folati, ci sono altre sostanze che migliorano le funzionalità uditive e che hanno una funzione protettiva nei confronti delle cellule nervose:

  • la vitamina B6, presente in cereali integrali, banane e patate dolci
  • la vitamina B12, che si trova negli alimenti di origine animale come fegato, latticini, uova, carne rossa, pollame e pesce.
  • lo zinco, presente in noci, carne, formaggi e alimenti a base di grano, rinforza il sistema immunitario, contribuisce alla crescita cellulare e alla riparazione dei tessuti. Lo zinco, inoltre, aiuta l’orecchio a proteggersi da agenti nocivi esterni di natura virale, batterica o fungina.
  • il magnesio, presente nelle verdure a foglia verde, nei pomodori e nelle banane, ha un potere protettivo nei confronti delle cellule della coclea. La carenza di magnesio determina, invece, un restringimento dei vasi, con una diminuzione dell’apporto di ossigeno fondamentale per i tessuti.
  • il potassio, di cui sono ricchi soprattutto la frutta e i latticini, è importante per la regolazione della quantità dei liquidi nei tessuti e nel sangue.

Siamo preoccupati per la salute delle nostre orecchie e vogliamo preservare un udito sano il più a lungo possibile? Non ci resta che partire dalle buone abitudini a tavola!

2019-02-18T15:49:02+00:00 18 Febbraio 2019|Categories: Alimentazione, Prevenzione, Salute, Star bene|Tags: , |0 Commenti