Amore dopo i 60: l’intesa sotto le lenzuola migliora la qualità della vita

/, Stili di vita/Amore dopo i 60: l’intesa sotto le lenzuola migliora la qualità della vita

Amore dopo i 60: l’intesa sotto le lenzuola migliora la qualità della vita

  • sesso over 60

Il sesso fa bene a tutte le età e, dopo i 60, potrebbe aiutare a ridurre il rischio di disturbi psichici, malattie cardiovascolari e tumori

Che essere attivi sia il segreto per la longevità è ormai noto, tanto che è stato dimostrato che un’attitudine positiva alla vita comporta una riduzione del tasso di mortalità del 28%. Una passeggiata di 30 minuti al giorno, un’alimentazione equilibrata e senza eccessi, il tutto accompagnato da una una buona rete di relazioni interpersonali. Un recente studio pubblicato su Sexual Medicine e condotto da alcuni ricercatori dell’Anglia Ruskin University ha però aggiunto un altro tassello per la felicità degli over 60: il sesso.

Lo studio, condotto su circa 6000 persone con un’età media di 65 anni, ha infatti dimostrato come gli uomini e le donne che hanno dichiarato di avere avuto un rapporto sessuale nei 12 mesi precedenti abbiano attribuito al loro benessere un punteggio superiore rispetto a chi si era astenuto, punteggio destinato ulteriormente a salire nel caso di grande intesa con il partner. Un dato che però si discosta dalla realtà dei fatti, che invece dimostra una riduzione significativa dell’intimità con l’avanzare dell’età: se il 94% degli uomini dai 50 ai 59 anni ha rapporti sessuali, solo il 31% è sessualmente attivo a 80 anni, e questo dato scende al 14% per le donne.

Se gli uomini sembrano avere più benefici solo con il rapporto sessuale completo, per le donne la penetrazione non è rilevante al benessere psicofisico. Molto più importanti sono i baci, le carezze e i preliminari.

Benefici simili a quelli dell’attività fisica

Il sesso è un tassello fondamentale per il benessere psicofisico della persona, durante l’eccitazione e l’orgasmo infatti vengono rilasciati neurotrasmettitori ed ormoni “della felicità”.

  • L’ossitocina (prodotta dall’ipotalamo all’apice dell’innamoramento, durante l’eccitazione, l’orgasmo, l’allattamento e gli abbracci) riduce lo stress, aumenta i comportamenti pro-sociali e rinforza i legami
  • La dopamina migliora la coordinazione motoria, stimola la memoria, favorisce l’attenzione e le funzioni cognitive.
  • Durante le coccole e la fase post orgasmica aumentano i livelli di serotonina: un antidepressivo endogeno che regola i cicli sonno/veglia, il controllo dell’appetito e della pressione sanguigna
  • Si alzano anche i livelli di endorfina, potente antidolorifico naturale

Inoltre, durante l’eccitazione aumenta l’afflusso di sangue ai genitali migliorandone il tono ed il trofismo.

La felicità sotto le lenzuola contribuisce ad una maggiore intesa con il partner, e una relazione felice contribuisce senza dubbio al mantenimento del benessere. Inoltre fare l’amore può essere visto come una vera e propria forma di attività fisica che permette di bruciare circa 200 calorie in 30 minuti.

L’importante è che se ne parli

Se una vita sessuale soddisfacente contribuisce alla qualità della vita, è vero anche il contrario: problemi e preoccupazioni legati a questa sfera ne annullano i benefici. I medici dovrebbero quindi essere i primi a consigliare ai propri pazienti di mantenere una vita sessuale attiva, nonostante il passare degli anni. Anche se è tendenza comune pensare alle persone anziane come asessuati, è bene che siano informate dei benefici e che vengano sempre di più incentivate e invogliate a sperimentare nuove posizioni e situazioni, proprio come accade con le coppie più giovani.

Sappiamo bene che il benessere mentale è strettamente legato al benessere fisico, per cui di conseguenza promuovere il sesso negli over 60 potrebbe aiutare a ridurre il rischio di disturbi psichici, malattie cardiovascolari e tumori, con un notevole impatto anche sui costi della sanità.

2019-03-29T16:36:56+00:00 29 Marzo 2019|Categories: Star bene, Stili di vita|0 Commenti