Smartworking: non rinunciare all’attività fisica

//Smartworking: non rinunciare all’attività fisica

Smartworking: non rinunciare all’attività fisica

Lavorare da casa: per molti un vantaggio, per altri una necessità o una scelta obbligata. Un’opportunità che sfrutta a pieno le potenzialità della tecnologia ma che allo stesso può comportare delle insidie, soprattutto per il fisico. I consigli del fisioterapista

Se da un lato lavorare da casa permette un’ottimizzazione dei tempi – per molti anche due ore o più al giorno risparmiate – dall’altro potrebbe sfociare invece  in uno stile di vita non molto regolare o salutare. Molte persone che fanno smartworking si trovano inevitabilmente a passare diverso tempo in casa, con delle ripercussioni anche sulla salute.

Il danno primario è quello al fisico, costretto spesso seduto sulla sedia. Nonostante si pensi che la situazione non cambi rispetto all’ufficio, in realtà in confort di casa ci porta ad assumere posture più rilassate – magari lavorando sul divano – oppure a muoverci molto meno (oppure a farlo, ma non nel modo corretto). 

È importante quindi sfruttare correttamente le pause, investendo il tempo guadagnato ad esempio evitando i mezzi di trasporto in attività che possono dare un reale beneficio al nostro corpo: prendersi un po’ più di tempo per cucinare un piatto sano e dedicare almeno un’ora al giorno all’attività fisica

Ecco quindi un video con  3 semplici regole per tenere il nostro corpo attivo anche nelle giornate chiusi in casa.

Piccoli esercizi di tonificazione

Con bottigliette d’acqua da 0.5 lt o 1.5 lt, oppure dei manubri veri e propri se li hai a disposizione. Rigorosamente in piedi:

  • parti da una posizione a candelabro e solleva lateralmente le braccia 
  • dalle braccia distese in basso solleva prima una bottiglietta e poi l’altra cercando di toccare la spalla. 
  • mettie le mani sopra le spalle e roteare le braccia in senso orario e antiorario 

Ogni esercizio va ripetuto per circa 15-20 volte

Una passeggiata da almeno 30 minuti

Fai una passeggiata a passo sostenuto per almeno 30 minuti senza interruzioni. Durante la passeggiata cercare di eseguire qualche movimento accessorio:

  • fletti le anche alternativamente e rotearle esternamente
  • spingi il piede sul gluteo durante il passo
  • cammina sulle punte 

E per finire un po’ di stretching

Manteni ben distesi ed elastici i muscoli più sollecitati, i principali sono quelli della schiena. Fai piccoli movimenti di stretching mantenuto al massimo 30 secondi 

2020-03-04T15:54:04+00:00 4 Marzo 2020|Categories: Star bene|0 Commenti